Navigazione veloce

Inquadramento progettuale

 

Il Sistema ITSC Tpl si colloca nell’ambito del più ampio progetto regionale ITSC (Intelligent Transportation Systems Campano) che nella visione della Regione Campania si pone come strumento di ottimizzazione, presidio e gestione del sistema di trasporto nell’intera area regionale al fine di offrire un maggiore e migliore servizio ai cittadini, conseguire economie di scala, aumentando al contempo i livelli di sicurezza.

La Regione Campania, con la Delibera di Giunta Regionale n. 13 del 18.01.2013, ha inteso costituire presso il proprio ente strumentale ACaM (Agenzia Campana per la Mobilità sostenibile) il Centro Servizi Regionale (CSR), il quale costituisce il centro dell’intero sistema ITSC ponendosi quale incubatore regionale delle attività di monitoraggio, comunicazione, controllo e regolazione dei servizi di trasporto eserciti dai diversi operatori terrestri e navali della Regione Campania.

Ad esso devono, pertanto, collegarsi con un continuo scambio di dati di informazione e di controllo tutti i sistemi tecnologici di cui dovranno dotarsi sia i gestori del Trasporto Pubblico terrestre e navale della regione Campania, sia i gestori di reti ferroviarie e stradali, sia tutti i soggetti che si occupano di trasporto merci.

Il Centro Servizi Regionale è perfettamente integrato ed interoperabile con un più complesso sistema di gestione della mobilità regionale, in modo da dialogare con tutte le componenti e gli attori del sistema di trasporto attraverso un continuo e affidabile flusso di informazione e comunicazione. Pertanto il sistema è stato progettato per garantire ampie caratteristiche di modularità e standardizzazione. In tal senso il Centro Servizi dovrà integrare e sfruttare la cooperazione dei dati provenienti dalle diverse fonti, gestite da ACaM, quali:

  • il Centro di infomobilità “Muoversi in Campania” il cui scopo istituzionale è raccogliere e mettere a disposizione su più canali informativi (TV, Radio, Internet, …) una serie di servizi di informazione all’utenza sia del trasporto pubblico che di quello privato con il fine di facilitare la programmazione multimodale del viaggio. Muoversi in Campania fornisce in tempo reale all’utenza tutte le informazioni riguardanti eventuali variazioni, disservizi e perturbazioni dell’intero sistema dei trasporti regionale, dal traffico urbano ed extraurbano al tra-sporto pubblico su gomma e su ferro, collegamenti marittimi, collegamenti aerei e ferroviari;
  • il Centro Regionale Integrato per la Sicurezza Stradale (CRISS)per monitorare costantemente il fenomeno di incidentalità a livello regionale, realizzando azioni pilota per il miglioramento della sicurezza stradale anche attraverso un miglioramento della comunicazione e, conseguentemente, dell’educazione e della sensibilizzazione che viene svolta mediante campagne finalizzate all’accrescimento della cultura della sicurezza stradale;
  • il Centro UlisseUnified Logistic Infrastructure for Safety and Security della Regione Campania per il controllo e la gestione del trasporto delle merci pericolose sul territorio della Regione Campania ed, in particolare, attraverso il controllo dei flussi da/verso i principali nodi logistici (porti ed interporti) regionali.

 

 

Inquadramento architetturale del sistema ITSC


Il sistema ITSC Tpl  prevede lo sviluppo di quattro aree di intervento:

 

  • Area monitoraggio del servizio

Relativamente ai dati di monitoraggio del servizio si fa riferimento:

    1. ai dati di esercizio
    2. ai dati relativi alla qualità e sicurezza del servizio
    3. ai dati relativi all’utenza

I dati acquisiti attraverso il Sistema di bigliettazione elettronica costituiscono fonte primaria per il popolamento, ai sensi dell’articolo 16-bis, comma 7, del Decreto Legge 6 luglio 2012, n. 95 e s.m.i., dell’Osservatorio nazionale sulle politiche per il trasporto pubblico locale, istituito ai sensi dell’articolo 1 comma 300, della legge 4 dicembre 2007, n. 244.

 

  • Area Infomobilità

I servizi di informazione forniti agli utenti del trasporto pubblico possono essere divisi in:

    1. Servizio di pianificazione dello spostamento con il trasporto pubblico
    2. Segnalazione di eventi programmati ed interruzioni
    3. Servizio di informazione all’utente in tempo reale

 

  • Area di vendita

Per quanto concerne l’area di vendita questo costituisce un sottosistema dedicato all’obiettivo della distribuzione dei titoli di viaggio ai clienti

    1. Gestione sistema tariffario regionale e delle diverse aziende
    2. Modalità di vendita dei titoli identificati
    3. Indicazione dei diversi canali da rendere operativi per la vendita (biglietterie, self service, internet, smartphone,….)
    4. Modalità di gestione degli introiti
    5. Definizione delle regole di clearing in funzione delle tipologie di titoli

 

  • Area Sicurezza

L’area sicurezza è sostanzialmente confinata nel perimetro di competenze del singolo operatore del TPL, seppure specificata in termini di prestazioni minime in ambito contrattuale di affidamento del servizio. Al CSR viene demandata la realizzazione e gestione nel tempo di un archivio centrale della sicurezza che dovrà contenere tutti gli eventi riguardanti il Trasporto Pubblico della Regione Campania, classificati in base alla tipologia, alla magnitudo, alla causa, alla localizzazione, al sistema di trasporto ecc.

Per il ferro e per la gomma sono auspicabili oltre ai sistemi di videosorveglianza  soluzioni di allarmi attivabili dai conducenti in modalità protetta (ad esempio pulsante di allarme attivabile con arto inferiore in grado di attivare immediatamente un segnale di allarme verso la centrale operativo di controllo delle forze dell’ordine).